Quello della musicoterapia è un altro dei progetti riabilitativi di particolare impegno per ODA e gestito nelle varie strutture e con programmi diversificati, da Luciano Rizzetto, in coordinamento con i responsabili e gli educatori di ogni comunità
La musicoterapia è una tecnica che utilizza la musica come strumento terapeutico, grazie ad un impiego razionale dell’elemento sonoro, per promuovere il benessere dell’intera persona: corpo, mente, e spirito.
Il riferimento metodologico usato da Luciano è la musicoterapia umanistica che parte dal riconoscimento di ogni persona umana e del valore e della significatività che ogni vita rappresenta. La sua attitudine al songwriting poi lo ha portato negli anni ad utilizzare il metodo della composizione facilitata, che prevede di comporre in gruppo canzoni -sia il testo che la melodia- per arrivare ad un prodotto finito in cui ognuno dei partecipanti ritrova parte della propria creatività . L'aspetto centrale del progetto è rappresentato dalla collaborazione e dall'incontro tra le diverse anime della psichiatria e della disabilità psicofisica  ODA.

Attualmente sono in corso due laboratori di musicoterapia per due diverse realtà ODA.

Punto di incontro e laboratorio di musicoterapia
Un Club di amici? Una tana –ritrovo? Un luogo amico? Situato presso i locali di via della Biblioteca della comunità R.I.S.S. Minazzi, il Punto di Incontro è un po’ di tutto questo. Qui gli ospiti delle comunità psichiatriche del gruppo Villa Raffaella, Abbazia, Cappuccetta e i gruppi appartamento) possono, in ogni giorno della settimana, ritrovarsi per chiacchierare, conoscersi meglio tra membri di diverse comunità, giocare, suonare e ascoltare musica (oltre che partecipare alla musicoterapia) o semplicemente ... rilassarsi! Sempre in compagnia di un educatore e nel rispetto dei programmi della vita di comunità.
Da quest’anno il gruppo di musicoterapia è diventato più numeroso in quanto partecipano circa 20 ospiti dei gruppi appartamento e della comunità Abbazia e Villa Raffaella.
Ha cadenza settimanale,durata di circa due ore e, vista la maggiore partecipazione, gli incontri si svolgono nella vicina Aula Didattica della RISS Minazzi.

Il gruppo sta lavorando, in questo momento, sul songwriting e, con l'uso della composizione facilitata, si stanno creando canzoni sia per la parte del testo che per la melodia: l'obiettivo futuro però sarà elaborare un proprio repertorio. Da quest’anno si sono programmati anche una serie di incontri in cui viene trattata la storia della canzone italiana, dalle canzoni degli anni 50 e fino agli anni 90 e contemporanea, con l’ascolto dei brani più famosi e cantando insieme alcune delle canzoni più significative. L’obiettivo è recuperare tramite le canzoni di quegli anni momenti di vita vissuti o raccontati da altri.  

Laboratorio di musicoterapia al centro Spazio Aperto Renzo Nosengo - RISS Don Minazzi
Partecipano circa 20 ospiti della R.I.S.S. Minazzi suddivisi in due gruppi, gli incontri hanno cadenza settimanale, durata di un'ora per gruppo e si svolgono nella palestra della RISS Minazzi.
Con un gruppo si lavora sugli aspetti più elementari dello stare insieme, rispettare gli altri, ascoltare il suono o il canto dell'altro, suonare insieme seguendo uno stesso ritmo, aumentare o diminuire l'intensità sonora, accelerare o rallentare il battito, fino ad iniziare o finire insieme una improvvisazione utilizzando strumenti a percussione, metallofoni, chitarre e tastiere.
Con il secondo gruppo, il lavoro è più incentrato sull'acquisizione audio-percettiva di alcuni semplici aspetti della teoria musicale, sul canto e sulla composizione facilitata di canzoni. Quest’anno si stanno studiando alcuni semplici brani vocali con l’uso della scala di do maggiore.